Rose-Marie Soncini - Suonodonne Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Rose-Marie Soncini

Soci & Gallery



Curriculum


Si è diplomata con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Musica di Berna,sua città natale. Si è poi perfezionata con Marcel Moyse e con James Galway. 

Ha fatto parte dell'Orchestra  Municipale di Metz (Francia) e della Société d'Orchestre di Bienne (Svizzera).


Per più di 30 anni ha ricoperto il posto di primo flauto dell'Orchestra Sinfonica Siciliana di Palermo nel cui ambito ha suonato spesso da solista e in gruppi cameristici. 


Ha eseguito in prima italiana il "Renaissance-Concerto" di Lukas Foss e in prima assoluta (2000) “Peter-Peter Pan”, piccola fantasia notturna di Matteo D’Amico ed è stata solista al XVII Festival Nuova Consonanza  di Roma.


Suona per varie associazioni italiane sia in recital che in gruppi da camera.

 

Nel 1990 è stata solista alla Convention della National Flute Association a Minneapolis (USA), e nel 1992 e 1996 ha effettuato due tournées sempre negli USA, con vari programmi di musica da camera spaziando dal Barocco al Novecento.


Dal 1992 suona in duo con la pianista svizzera Esther Flückiger. Assieme hanno fatto diverse tournées in Svizzera e in Italia, e hanno partecipato al Festival Internazionale “Women in Music today” 2003 a Seoul, 2006 a Miami e 2008 a Pechino. 


Nel 1997 ha fondato il “Duo Duende” con la chitarrista milanese Maria Vittoria Jedlowski, duo  che si specializza in musiche del Novecento e di compositrici.


Ha partecipato ai Festival di musica di donne "Fra Nord e Sud"  a Roma, Berna e Milano. 

Ha avuto l’occasione di  collaborare con l’Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia e la UECO di Milano.
 
Ha effettuato delle registrazioni per la RAI e la 2a rete radiofonica svizzera e ha inciso nel 2001 il CD “Le musiche delle donne nel duemila” (MAP) con brani
per flauto e altri strumenti di autrici italiane in prima registrazione assoluta e nel 2005 il CD “Duende” (eco) con musiche per flauto e chitarra di Luisa Indovini Beretta e nel 2011 il CD “I suoni bianchi della notte” (eco).



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu